In cima alle torri

In cima alle torri | Il romanzo

scarica estratto

InCimaAlleTorri_01_lowIn cima alle torri è un romanzo a metà tra la denuncia e la finzione.

Una Milano da bere, infatti, intrighi internazionali in Nigeria, Cina, Angola, il losco mondo delle multinazionali fanno da sfondo a un thriller su verità conosciute al giornalismo di inchiesta, ma quasi mai sotto i riflettori dell’opinione pubblica.
In particolare, sono veri i seguenti elementi:

- le surreali dichiarazioni da parte degli architetti impegnati nella costruzione della piazza Gae Aulenti (Alberto Garutti per i “tubi di ottone” e Andreas Kipar dello studio Land Milano per i “vuoti”, i “pieni”, la “permeabilità” e il “fascino del buco nero”);
- le modalità del fallimento “inatteso” della Lehman Brothers e la crisi dei mutui subprime;
- la scandalosa “autogestione” delle agenzie di rating/multinazionali; una per tutte la Standard & Poor’s è retta dal magnate della finanza Mc Graw Harold III che è legato a colossi come Coca-Cola o British Telecom;
- il progetto EKO Atlantic in Nigeria (tranne il ponte d’ingresso chiuso ai poveri, aggiunto da me);
- la storia di come sia nata Boko Haram;
- la corruzione del governo angolano da parte delle multinazionali del petrolio e dei diamanti;
- la corruzione e i brogli elettorali di cui è stato accusato il Presidente della Nigeria negli anni descritti;
- lo sfruttamento in Tanzania dell’uranio da parte di multinazionali australiane (una dal nome orientaleggiante, Mantra Resources) con l’inutile opposizione di ONG e contadini locali;
- le scatole cinesi con cui operano le imprese di automotive per vendere tanto agli sciiti che ai sunniti;
- il rating A della Francia, valutato dall’agenzia Fitch, che è controllata al 60% da Marc Ladreit de la Charrière, un Presidente/AD di multinazionali a maggioranza di capitale francese (L’Oréal, Crédit Lyonnais, France Télécom, Casino, Rénault, Banca di Francia);
- i “monumenti” allo sfarzo della zona emiratina;
- la distruzione delle statue liberty, l’utilizzo di operai slavi in nero nella costruzione della Trump Tower e l’escamotage della sua hall destinata a luogo pubblico per ottenere le autorizzazioni alla sua elevazione;
- le onorificenze concesse al dittatore kazako, Nursultan Äbişulı Nazarbaev,persino quella del Vaticano!

Due inediti punti di vista, quello di Andrea Bodini, guru dell’alta finanza, un grande manipolatore attorno a cui gira persino la Borsa di New York, e quello di Pepé, un Gigante buono, un idiot savant, custode in una scuola elementare, si incroceranno imprevedibilmente.

Due mondi a confronto con gustosi momenti di suspense.

Il romanzo è ancora inedito, ma disponibile per l’acquisto qui:

InCimaAlleTorri_01_low

Acquista l’ebook a € 2,58

o gratis con kindleunlimited
> amazon

InCimaAlleTorri_01_low

Acquista il cartaceo a € 8,03
> amazon